(troppo vecchio per rispondere)
Categorie protette e depressione
Paolo
2005-09-28 14:25:11 UTC
Salve a tutti, avrei una domanda da porre.
Da circa 7 anni sono in cura psichiatrica per insonnia cronica dovuta ad
ansia e depressione.
Allo stato attuale prendo 1 pastiglia di seroxat al di'
Qualcuno sa se in questo caso c'è una possibilità di rientrare nelle
categorie protette per il lavoro?
Lo chiedo per non fare la trafila burocratica per niente.

Grazie
Paolo


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
maurizio
2005-09-28 14:33:07 UTC
Non è una "trafila" insormontabile ma un inoltro di una semplice
domandina alla
commissione medica per l'accertamento delle invalidità o disabilità
civili della tua città.

Come già detto è una commissione fatta da diversi medici quindi non
penso che ti possa rispondere qualcuno in base alle patologie che tu
descrivi. Il giudizio della commissione è redatto da molte specialisti

che valutano i disagi prodotti dalla patologia in ambito sociale e
lavorativo quindi non è così semplice dare un giudizio in un NG in
base al fatto che hai probleni neurologici e prendi una pastiglia.
E' un'intera commissione che giudica non i partecipanti a un NG.


Se vuoi toglierti il dubbio basta inotrare domanda all'asl presso la
segreteria della commissione medica per l'accertamento delle
invalidità civili e disabilità.

La commissione valuterà se i postumi e le conseguenze dell'insonnia,
dell'ansia e della depressione possono influire e con quale entità
nella vita sociale e in ambito lavorativo nonchè se sono irreversibili
o rivedibili nel tempo.
Questa risposta e valutazione non è possibile ottenerla attraverso un
NG.

Ciao.
Maurizio.
maurizio
2005-09-28 14:37:48 UTC
Io ti consiglio comunque di avviare la procedura. Passerà del tempo
prima che ti chiamino a sostenere la visita collegiale. Tu non sai se
le cose peggioreranno o miglioreranno. Nel primo caso avrai fatto bene
a guadagnare tempo nel secondo, se ritieni di non avere le patologie o
se sono state curate puoi non presentarti madando un telegramma
comunicativo, non succede niente e non fai nulla di male.

Ciao.

Maurizio.